GALLERIA MONOPOLI
Giovanni Ventura 6
20134 Milano
+39 02 36593646
+39 333 5946896
p.iva IT 02390150189
info@galleriamonopoli.com
www.galleriamonopoli.com

23 gennaio - 02 marzo 2019
Mauro Maffezzoni, Pop al minimo.

Inaugurazione mercoledì 23 gennaio ore 18.30.

In tutti questi anni Maffezzoni ha realizzato molti quadri, di tutti i tipi e dimensioni.
Durante gli anni '90 ha inventariato il mondo in 21 categorie (nature morte, paesaggi, ritratti, cover ...), dal 2000, invece, ha continuato suddividendo il mondo in generi, sottogeneri e derivazioni varie.
Il minimo comun denominatore di tutti i suoi lavori è lo spirito “pop”, perché il mondo intero è sempre stato l’oggetto del suo studio. Oggi il mondo sembra alla portata di tutti grazie al web.
Spontaneità, casualità, perseveranza, ibridazioni e deviazioni di percorso sono le caratteristiche del lavoro di Maffezzoni.
Tutto questo universo, reso dal web e dalla tecnologia digitale pop, è oggetto del suo studio: Leonardo è pop, la merda di Piero Manzoni è pop, i siti porno sono pop, Maurizio Cattelan è pop, l’arte contemporanea è pop e così anche il minimalismo è pop. Ultimamente l'artista usa come titoli delle sue opere testi di canzoni, ad esempio frasi delle canzoni di Adam Ant, David Bowie, i Die Antword ecc.
I lavori esposti presso la Galleria Monopoli sono insoliti e in qualche modo minimal, ma anche ibridati dalla materia, sporcati di proposito dalle evidenti pennellate e dai contrasti di colore inusuali per i canoni dell’arte minimale. É come se si volesse rappresentare un'accumulazione delle esperienze vissute in precedenza.

Orari di apertura:
Martedi - Sabato 14.00 | 19.00

La mostra di Mauro Maffezzoni su arte.go
La mostra di Mauro Maffezzoni su exibart

GALLERIA MONOPOLI
Giovanni Ventura 6
20134 Milano
+39 02 36593646
+39 333 5946896
p.iva IT 02390150189
info@galleriamonopoli.com
www.galleriamonopoli.com

23 gennaio - 02 marzo 2019
Mauro Maffezzoni, Pop al minimo.

Inaugurazione mercoledì 23 gennaio ore 18.30.

In tutti questi anni Maffezzoni ha realizzato molti quadri, di tutti i tipi e dimensioni.
Durante gli anni '90 ha inventariato il mondo in 21 categorie (nature morte, paesaggi, ritratti, cover ...), dal 2000, invece, ha continuato suddividendo il mondo in generi, sottogeneri e derivazioni varie.
Il minimo comun denominatore di tutti i suoi lavori è lo spirito “pop”, perché il mondo intero è sempre stato l’oggetto del suo studio. Oggi il mondo sembra alla portata di tutti grazie al web.
Spontaneità, casualità, perseveranza, ibridazioni e deviazioni di percorso sono le caratteristiche del lavoro di Maffezzoni.
Tutto questo universo, reso dal web e dalla tecnologia digitale pop, è oggetto del suo studio: Leonardo è pop, la merda di Piero Manzoni è pop, i siti porno sono pop, Maurizio Cattelan è pop, l’arte contemporanea è pop e così anche il minimalismo è pop. Ultimamente l'artista usa come titoli delle sue opere testi di canzoni, ad esempio frasi delle canzoni di Adam Ant, David Bowie, i Die Antword ecc.
I lavori esposti presso la Galleria Monopoli sono insoliti e in qualche modo minimal, ma anche ibridati dalla materia, sporcati di proposito dalle evidenti pennellate e dai contrasti di colore inusuali per i canoni dell’arte minimale. É come se si volesse rappresentare un'accumulazione delle esperienze vissute in precedenza.

Orari di apertura:
Martedi - Sabato 14.00 | 19.00

La mostra di Mauro Maffezzoni su arte.go
La mostra di Mauro Maffezzoni su exibart